Mi chiamo Federica che in tedesco significa "condottiero della pace" e io della pace non conosco neanche i contorni. Ho 18 anni e ragiono come una donna che ha già visto tutto, invece non so un cazzo. Sono una ragazza cinica, misantropa e soffro di personalità Borderline. Mi piace fare conversazioni costruttive, scambiarmi idee e opinioni. Rido tantissimo ma non sorrido quasi mai.

~ In confronto a me, tu potresti essere una persona normale.
  • highimapanda125:

    teasully:

    asvprock:

    Change is coming.

    this is the best picture on tumblr 

    I love this so much

    (Fonte: jakexp, via ilpostoincuibrillare)

    • 422759
    • 422759
    • 155
    • 155
  • perderesestessi:

    a perdere tutto ci sono abituato

    (via incercadelsorriso)

    • 4571
    • 4571
  • deryhana:

    “Quando fai sesso con una donna, e non la ami, è facile essere sicuri di sé. Non ti poni il problemi di piacere. Vederla godere è solo la conferma che ci sai fare, per questo ti piace.
    Ma tu prova a fare sesso con una donna che ami, comprenderai le mie paure. Proverai la tremenda ansia di non essere abbastanza. L’amore ci rende fragili.
    - Gabriel García Márquez

    (via incercadelsorriso)

    • 2250
    • 2250
  • "Sai qual è il tuo problema?
    E’ che non la smetti mai di pensare"
    Il castello errante di Howl - Diana W. Jones (via corpicollisi)

    (Fonte: libri-cinema, via perderesestesso)

    • 4868
  • savage-wildheartscantbebroken:

    Il rasoio fa male 
    il fiume è troppo basso 
    l’acido è bestiale 
    la droga da il collasso 
    la corda si spezza 
    la pistola è proibita 
    il gas puzza 
    allora viva la vita!

    (via nellamiaanimailbuio)

    • 2184
    • 2184
    • 253
  • "La gente è intrappolata nel passato. Io non faccio eccezione, e non illudetevi: nemmeno voi."
    Chuck Palahniuk
  • Non ho fatto nulla per poter essere considerata migliore di qualcun altro. Cerco risposte in fenomeni atmosferici, nelle stelle o nelle pozzanghere e tutto riflette me stessa. Sono così stanca di osservare il mio viso sfatto, i solchi profondi sotto gli occhi lucidi e le emicrania che mi costringono a letto lacerano in piccoli brandelli il mio spirito ferito.
    Mi chiedo se ne sia valsa la pena, se tutte le volte che ho scelto di vivere non abbia fatto altro che reiterare un errore compiuto da terzi. I sorrisi che ho spezzato allo specchio rendendoli ghigni di un essere deforme, mi perseguitano come fantasmi di una vita passata che forse nemmeno mi appartiene.
    Che succede quando ti guardi, senza sapere cosa sei?  

  • "…Et excrucior."